Stampa questa pagina

TORNEI - Al Cenisia ci si prepara per i tornei "Pininfarina"
In evidenza

25 Maggio 2018
Author :  
Premiazione dell'Inter Femminile dell'edizione dello scorso anno

Per i maschi quattro Professioniste, un'ospite lombarda e la créme degli Esordienti Fascia B piemontesi. Per le femmine sette squadre che in un'unica giornata si affronteranno in un girone all'italiana.

QUARTO TORNEO PININFARINA ESORDIENTI FB 2005

Mancano meno di due settimane all’inizio della quarta edizione del Torneo Pininfarina, l’evento – riservato alla categoria Esordienti 2006 – è ormai diventato una pietra di paragone per tutti gli altri tornei di livello nazionale. Piace la formula, la qualità dei partecipanti e l’atmosfera che si respira durante la manifestazione, un Torneo a metà tra la prova agonistica e il “laboratorio” dove si incontrano i diversi modi di fare calcio proposti dalle società partecipanti.

IL PROGRAMMA
Le squadre che animeranno la manifestazione del 2 e 3 giugno prossimi sono 10, 6 non professioniste e 4 professioniste, in ordine alfabetico: Alpignano, Borgaro, Cenisia, Chisola, Fiorentina, Juventus, Lombardia 1, Lucento, Milan e Roma. Sabato 2 giugno al mattino si incontreranno tra loro le 5 società non professioniste piemontesi, nel pomeriggio le quattro professioniste più il Lombardia 1. Domenica 3 giugno verranno disputate tutte le partite tra le squadre del primo e del secondo gruppo. Alla fine dei 45 incontri previsti vincerà che avrà più punti. Molti sono i motivi di interesse di questa quarta edizione, basti considerare che, tra le 10 partecipanti, le squadre che hanno vinto le precedenti tre edizioni (in ordine cronologico: Juventus, Milan e Fiorentina) saranno tutte presenti e ciascuna di esse potrà fare il bis anche se la presenza della new entry Roma e delle altre agguerrite non professioniste (ricordiamo che il Lombardia 1 perse la finale dell’edizione 2016 contro il Milan per 1 a 0) rappresenteranno uno scoglio difficile da superare. Un altro elemento di interesse sarà il comportamento delle squadre che si piazzarono nei primi quattro posti del Pininfarina Winter Challenge 2018, il torneo di selezione al Torneo Pininfarina che si svolse tra dicembre 2017 e gennaio 2018. Sulla linea di arrivo del 6 gennaio scorso (le prime 4 in ordine di piazzamento sulle 10 forti squadre partecipanti) ricordiamo: Borgaro, Alpignano, Lucento e Chisola (l’ottimo CBS fu escluso per solo un punto). Tra dicembre e gennaio le squadre erano nel pieno della stagione con tutti gli obiettivi ancora possibili, alcune alle prese con problemi di amalgama tra vecchi e nuovi giocatori e la necessità di abituarsi a giocare con nove atleti dopo essere appena usciti dalla categoria “Pulcini”, che invece gioca a sette nell’ultimo anno, altre già rodate e più prestazionali. Ora a giugno le gerarchie potrebbero essere cambiate e le classiche “manovre” di mercato di fine stagione che coinvolgono sempre atleti e tecnici influire sugli equilibri. Sarà inoltre interessante verificare se il divario tra le professioniste e le non professioniste è ancora così netto come nelle categorie inferiori o se invece, un anno dopo, è cambiato qualcosa. Per saperlo andate a vedere il Torneo Pininfarina, di sicuro non ci sia annoia mai. Fischio d’inizio dunque sabato 2 giugno alle 8.30 con Borgaro-Lucento.

SECONDO TORNEO PININFARINA FEMMINILE

Domenica ci sarà la 2ª edizione del Torneo Pininfarina femminile. L’evento, riservato alla categoria Esordienti (2005-2006), è diventato un appuntamento importante a livello nazionale per la qualità delle squadre partecipanti e per la rarità di manifestazioni simili in questa categoria. Come lo scorso anno l’edizione 2018 si svolgerà presso la struttura dell’SSD Cenisia 1919, in Torino, il Presidente della società Luigi Riccetti – che ha fortemente sostenuto la nascita della manifestazione femminile – assicura insieme a tutto lo staff il massimo impegno organizzativo e si augura una presenza di pubblico almeno pari a quella della scorsa edizione. Una formula vincente non si cambia quindi, anche nella seconda edizione, vedremo affrontarsi sette squadre – tutte professioniste – in un girone all’italiana che alla fine designerà la vincitrice il cui nome si affiancherà, nell’albo d’oro, a quello dell’Inter che vinse l’edizione 2017. A tal proposito ricordiamo la notevole performance della squadra nerazzurra che vinse tutte le 6 partite (18 punti complessivi) con lo stesso punteggio: 2 a 0! Al secondo e al terzo posto si classificarono nell’ordine (con 10 punti) Juventus e il Milan. Le sette squadre partecipanti sono: Atalanta, Genoa, Inter, Juventus, Roma, Sassuolo (una gradita new entry) ed il Torino. Purtroppo si è dovuto rifiutare altre richieste in quanto – per motivi organizzativi – non è stato possibile quest’anno estendere la durata della manifestazione volendo mantenere la formula del girone all’italiana. Il Cenisia assicura però che questa crescente richiesta di partecipazione sarà soddisfatta a partire dalla prossima edizione. Come detto l’evento del 27 maggio costituisce una delle rare occasioni in cui in Italia squadre femminili di questa categoria e di alto livello tecnico si trovano tutte insieme in un torneo a loro riservato, una vera chicca. La spinta alla promozione del calcio femminile (a partire dalla scuola calcio) posta in atto dalla F.I.G.C. sta cominciando a dare i primi frutti ed invitiamo il pubblico a venire a constatare come molte remore culturali tipiche del nostro Paese, relativamente alle ragazze che giocano a calcio, siano prive di fondamento e di come ci si possa divertire nel vedere partite tutte al femminile. Non a caso in molti paesi il calcio femminile giovanile ha lo stesso seguito e importanza di quello maschile, ci sarà una ragione! Ricordiamo ancora l’atmosfera rilassata e gioiosa dell’edizione 2017 dove, accanto a gesti tecnici di assoluto rilievo e ad un sano agonismo abbiamo notato esempi di fair play impensabili in ambito maschile dei pari età. Uno di questi episodi successe durante la partita Juventus – Roma, sullo 0 a 1 per le romane l’arbitro fischiò un calcio di rigore dubbio per le torinesi, il Mister della Juventus chiese ad una sua atleta cosa fosse davvero successo. La ragazza correttamente rispose che non aveva subito falli ed il Mister ordinò di tirare fuori il calcio di rigore, venne giù la tribuna per gli applausi dei sostenitori romanisti. Ve la immaginate la stessa scena in altri contesti?

LE PAROLE DEL PRESIDENTE DEL CENISIA RICETTI

Il primo fine settimana di giugno, con inizio il giorno della festa della Repubblica, il Cenisia riproporrà sul proprio campo uno dei suoi fiori all’occhiello: il Torneo Pininfarina, kermesse dedicata all’annata 2006 e giunta ormai alla sua quarta edizione. Una stagione speciale che ha già offerto ai suoi tanti spettatori un antipasto più che gradito, la Winter Cup, fase di qualificazione al torneo vero e proprio che intorno alle feste natalizie ha regalato uno degli spettacoli più interessanti nel panorama della Scuola calcio piemontese. E come è stata un successo la prima fase invernale anche l’ultimo attimo della kermesse maschile e di quella femminile fanno sperare in un risultato più che positivo: di gioco, di squadre, di pubblico, di gestione, di sport. Non può dunque che essere soddisfatto il presidente viola Luigi Riccetti: «Si vede una crescita sia nella qualità dei partecipanti sia nella struttura dell’organizzazione – spiega – Intanto il passaggio da sette a nove in campo ha alzato il livello tecnico, si vede proprio uno spettacolo diverso, che ha creato pathos nel pubblico sugli spalti. Il livello dello squadre è indubbiamente molto alto e il prestigio di far parte di questo momento insieme alle professioniste ha fatto sì che l’impegno e la competitività in campo, anche nella fase di qualificazione, fossero maggiori rispetto anche ad altre edizioni. Dal punto di vista organizzativo lo staff è stato molto professionale, e ci tengo a ringraziarlo. Bisogna poter contare su persone preparate se si vuole alzare l’asticella, altrimenti è un’impresa impossibile. Ovviamente il ringraziamento più grande va a Pininfarina, che ci permette di portare avanti questo appuntamento ». La finale maschile sarà preceduta da quella femminile domenica, un torneo a parte che ha attirato squadre professioniste da tutta Italia: «E’ importante quanto fatto con le ragazze. Le domande di partecipazione erano talmente tante che abbiamo dovuto dire dei no perchè materialmente non avremmo potuto ospitare tutti. E’ anche un modo per promuove una parte del movimento che ha bisogno del sostegno di tutti per continuare a crescere », conclude il Presidente.

 

Articolo di Maria Rosa Cagnasso

daycounts

Ultimi da daycounts

Articoli correlati (da tag)

Devi effettuare il login per inviare commenti