Stampa questa pagina

ECCELLENZA - Il Corneliano Roero sogna in grande, un cammino che parte dall'impianto

13 Agosto 2016
Author :  

Una delle migliori rose della categoria e un campo sportivo completamente risistemato: la stagione della società roerina parte con il piede giusto

 

Quando si fanno le cose per bene, si vede. Il Corneliano Roero, che lo scorso anno ha stupito tutti con un campionato di alto livello dopo la salvezza ai playout della stagione precedente, non solo ha fatto capire di voler replicare, ma anche di voler rilanciare. E per farlo ha agito a 360', partendo dalla rosa e dal campo. I lavori, conclusisi pochi giorni fa, hanno migliorato ancora di più l'impianto della società roerina, che adesso regala a ospiti e tifosi un colpo d'occhio davvero unico nel panorama sportivo cuneese.

Il lavoro svolto questa estate dall'unito gruppo dirigenziale è stato davvero ottimo: oltre alle panchine coibentate, già sperimentate nei mesi scorsi, è stata ridipinta completamente la tribuna con i colori della società, sostituita la tettoia di ingresso al campo e ripuliti, con tinteggiatura fresca, tutti e tre gli spogliatoi, con tanto di targhette con il nome per la squadra di casa. Qua è là foto celebrative e la rosa 2016.

Un risultato che è frutto della collaborazione di tutto il panorama dirigenziale: «Siamo una famiglia – racconta il ds Roberto Zunino – Curiamo la struttura e la squadra con passione e i risultati si vedono, abbiamo uno degli impianti più belli del territorio, abbiamo sempre ricevuto molti complimenti». E anche sul campo il Corneliano Roero ha fatto capire a tutti che l'obiettivo è fare sul serio: dopo aver consolidato la presenza dei punti fermi della squadra, ha cercato le persone giuste per completare la rosa, tra queste spiccano uno dei più noti attaccanti di categoria, Fabio Melle, e l'ex giocatore del Bra, sceso dunque in Eccellenza dalla Serie D, Mario Erbini. «Abbiamo fatto una squadra competitiva – commenta il dg Giovanni Ferrero – andando non tanto a fare mercato sul ruolo ma proprio sulle persone. Sapevamo chi volevamo e abbiamo fatto di tutto per portarlo da noi. Ai nastri di partenza credo, se non succede nulla, che possiamo giocarcela con le migliori del girone».

Soddisfatto del cammino fin qui percorso il presidente Daniele Sobrero: «La dirigenza ha dimostrato molto impegno nella costruzione di questa realtà – racconta – le nostre vacanze estive sono passate a migliorare sempre di più la struttura, e si concludono sempre con una grigliata in famiglia. Passione, collaborazione e amicizia sono gli ingredienti vincenti della nostra società».

 

Maria Rosa Cagnasso

Ultimi da Maria Rosa Cagnasso

Devi effettuare il login per inviare commenti