Stampa questa pagina

DILETTANTI - Cappai regala al Casale almeno un altro anno in Serie D. Retrocede la Varesina
In evidenza

23 Maggio 2018
Author :  
Foto Bodo L'esultanza dei ragazzi del Casale sotto i propri tifosi

E' bastato il pareggio ai ragazzi di mister Melchiori che a fine gara dice: "La squadra è stata splendida".

Davanti al pubblico di casa, il Casale si gioca il tutto per tutto contro la Varesina per il mantenimento della Serie D, obiettivo raggiunto non senza un po’ di sofferenza. Nerostellati che possono contare sul fattore campo, ma i due risultati utili su tre non sono una garanzia totale, soprattutto se si conta la doppia sconfitta subita in campionato.

SQUADRE OCCHI NEGLI OCCHI

Fin dai primi minuti, pochi tatticismi e match giocato a viso aperto da entrambe le squadre e, al 10’, brivido per i padroni di casa, con M’Hamsi che sembra agganciare Giovio in area ma l’arbitro lascia correre. Al quarto d’ora, la prima palla gol della partita, ad appannaggio degli ospiti: gran cross dalla sinistra di Leotta, svetta su tutti Shiba che di testa angola benissimo, ma Varesio vola e si rifugia in corner. Il Casale allora prova a reagire e al 26’ risponde con una grande azione in velocità iniziata da Cardini, che scarica su Mazzucco bravo ad inventare un pallonetto dal limite dell’area che buca la difesa avversaria e mette Pavesi a tu per tu con Vaccarecci, ma l’11 nerostellato calcia male e permette l’intervento dell’estremo difensore varesino, che smorza il tiro coi piedi e blocca. I ragazzi di mister Melchiori allora prendono coraggio e al 34’ ci riprovano con Villanova, che tenta la botta di prima intenzione dalla grande distanza ma Vaccarecci devia con la punta delle dita in angolo. Al 39’ a Varesina pareggia il contro delle occasioni con Albizzati, cross preciso su punizione e il solito Shiba impatta bene di testa, ma ancora una volta Varesio gli nega la gioia del gol. Varesina che manda tutti negli spogliatoi con un gran contropiede di Martinoia, che guadagna l’area e serve un assist rasoterra delizioso per Giglio, che si allunga il pallone nello stop quel tanto che basta a Varesio per recuperare e chiudergli lo specchio.

CAPPAI, CHE MERAVIGLIA!

Nella ripresa, azione interessante della formazione di mister Melchiori al 12’, ma il cross di M’Hamsi viene intercettato coi pugni da Vaccarecci, che toglie la sfera dalla testa di Cappai. Al 20’, ancora M’Hamsi s’incarica di una bella cavalcata sulla fascia sinistra ed effettua un cross invitante per Pavesi, che tenta la girata ma non inquadra lo specchio e riesce quantomeno ad ottenere un calcio d‘angolo che, però, si chiude con un nulla di fatto. Da questo momento, l’intensità del match si spegne lentamente e l’unico episodio da sagnalare nei successivi 20’ è l’iniziativa di Cardini, al 35’, che vedendo Vaccarecci fuori dai pali tenta un tiro dalla propria tre quarti che finisce non di molto alta sopra la traversa. Poi, più nulla: finisce 0-0 e si va ai supplementari. Che i casalesi sfruttano alla perfezione e, al 9’ del primo tempo, Cappai insacca di testa l’ennesimo cross perfetto di M’Hamsi, per l’esplosione di gioia del Natal Palli. Allo scadere, infatti, Albizzati pareggia per la Varesina ma non serve a nulla: è il Casale a festeggiare la salvezza e, il prossimo anno, per il terzo di fila, sarà ancora Serie D.

LE DICHIARAZIONI A FINE GARA

La prima ad essere soddisfatta è sicuramente il sindaco di Casale Titti Palazzetti, che al termine della sfida si lancia in un abbraccio liberatorio con il presidente del Casale FBC Coppo e che parla della grande ed incredibile capacità dell’intera città di «unirsi nel momento delle difficoltà e di ricompattarsi. Una soddisfazione per tutta la città e, il prossimo anno, farò sicuramente l’abbonamento e mi impegnerò ad essere più presente durante l’anno calcistico». Non può che essere felice e soddisfatto, ovviamente, anche il tecnico dei nerostellati Stefano Melchiori, che conquista una sofferta ma, tutto sommato, meritata permanenza in Serie D. «Non bisogna parlare dell’annata, sicuramente con alti e bassi, ma il Casale si è salvato e la squadra, in quest’ultima partita, è stata splendida. Il resto non conta». Tecnico casalese che non vuole parlare di partita, di tattica e tecniche di gioco, ma che vuole solo pensare al bellissimo risultato e ringrazia «di cuore tutta la società e i ragazzi, che hanno fatto tutto per raggiungere l’obiettivo e, anche se può sembrare banale, devo assolutamente ringraziare la gente di Casale e i tifosi che ci hanno sostenuti, nonostante tutto, fino alla fine». Mister Melchiori sottolinea per tutto il tempo il «grande cuore che ha avuto la squadra in questa sfida da dentro o fuori, contro una squadra molto fisica e che ci ha messo l’anima», frase che anticipa uno sfogo sulle critiche che ha ricevuto durante la sua gestione, ma «Stefano Melchiori è riuscito a raggiungere la meta e il Casale non è retrocesso in Serie D». Indubbiamente è stata un’annata difficile ma, come sostiene il tecnico nerostellato, «quando raggiungi un risultato importante come questo tutto il resto passa in secondo piano, compreso il mio futuro». Poi, due parole sullo stadio e la città: «ho visto un bellissimo Natal Palli, caldo, ricordandomi un po’ i tempi in cui io ero giocatore. Poi, si sa, Casale è una città di calcio e la prova è data da queste occasioni, in cui i casalesi mostrano di esserci comunque». Per la prossima stagione, non si sa quale sarà il futuro di Stefano Melchiori, a cui piacerebbe sicuramente restare alla guida dei nerostellati, ma ora non è ancora tempo di pensare a queste cose, ma di godersi l’importante salvezza appena ottenuta: per i piani futuri, c’è sicuramente tempo.

 

Il tabellino della sfida play out tra Casale e Varesina:

 

CASALE - VARESINA 1-1

Marcatori: pts 9’ Cappai; sts 15’ Albizzati.

Casale (4-3-3): Varesio 6.5; Villanova 6, Cintoi 5.5, Todisco 5.5 (4’ sts Marianini ng), M’Hamsi 7; Fassone 6 (30’ st Birolo 6.5), Alvitrez 6, Mazzucco 6 (1’ pts Garavelli 6); Pavesi 6 (9’ sts Tambussi ng), Cappai 6, Cardini 5 (5’ pts Simone 6). A disp. Consol, Battista, Vecchierelli, Buglio. All. Melchiori

Varesina (4-2-3-1): Vaccarecci 6.5; Vinasi 6 (10’ st Menga 6), Milianti 6, Albizzati 5.5, Leotta 6; Tino 6 (8’st Osuji 6), Giglio 5; Giovio 6.5 (31’ st Mella 5.5), Martinoia 6.5, Broggi 5.5 (16’ st Caldirola 6); Shiba 6.5. A disp. Del Ventisette, De Min, Caldirola, Vitulli, Mavrov, Segalini. All. Spilli

Arbitro: Perenzoni di Rovereto 7

Note: Ammoniti Vinasi, Todisco, Tino, Giglio, Leotta, Shiba, Menga, Pavesi. Recupero: pt 2’; st 4’; pts 1’; sts 1’. Calci d’angolo: 10-7 per il Casale. Spettatori: circa 700.

 

Articolo di Mattia Stango

daycounts

Ultimi da daycounts

Articoli correlati (da tag)

Devi effettuare il login per inviare commenti