Ecco il cancro sconosciuto di cui potrebbe aver sofferto la regina Elisabetta II

Distribuire Pieghevole Indice dei contenuti

Alle 18:30 dell’8 settembre 2022, Buckingham Palace ha annunciato alla BBC Radio la morte della Regina Elisabetta II del Regno Unito, deceduta nella residenza reale di Balmoral Castle.
La monarca aveva 96 anni e la causa del decesso, secondo quanto riferito dalla stessa casa reale, è da ricercare nel fatto che la sua morte è stata causata da una serie di eventi, era la sua età avanzata. Tuttavia, gli esperti hanno spiegato che non è possibile morire semplicemente di vecchiaia, ma che ci sono problemi medici dietro la morte di una persona anziana.
Il caso della monarca non era diverso, poiché soffriva di una lunga malattia che è stata tenuta segreta per molto tempo.

Qual era il cancro della regina?

Secondo il libro biografico “Elizabeth: An Intimate Portrait”, scritto da Gyles Brandreth, la Regina Elisabetta II ha trascorso gli ultimi anni della sua vita con una dolorosa cancro alle ossa.
In particolare, si trattava di un cancro del midollo osseo il cui sintomo più comune è il dolore osseo. Il Daily Mail ha riportato alcuni paragrafi dell’autore, che era un amico intimo del principe Filippo di Edimburgo, marito della Regina.
“Ho sentito dire che la Regina ha una forma di mieloma, un tumore del midollo osseo, che spiegherebbe il motivo del suo stanchezza e perdita di peso e quelli “con problemi di mobilità di cui ci parlavano spesso durante l’ultimo anno della sua vita”, ha raccontato Brandreth.

Quali sono i sintomi?

Il sintomo più comune del mieloma è il dolore osseo, soprattutto al bacino e alla parte bassa della schiena. Il sintomo più comune del mieloma è il dolore osseo, soprattutto al bacino e alla parte bassa della schiena, e il mieloma multiplo è una malattia che tende a colpire gli anziani”, ha aggiunto.
Non esiste ancora una cura per la malattia, ma esistono farmaci che aiutano a prevenire l’indebolimento delle ossa, a ridurre la gravità dei sintomi e a prolungare la sopravvivenza dei pazienti di tre anni.