Pensate che sia la soluzione? Gli esperti spiegano perché non si dovrebbe usare l’omeprazolo per evitare i postumi della sbornia

L’omeprazolo è un farmaco ampiamente utilizzato in tutto il mondo. Questo farmaco viene prescritto a chi soffre di reflusso gastroesofageo, ulcera peptica o dispepsia.

Questo farmaco è in grado di ridurre il bruciore di stomaco e il disagio associato a queste condizioni, per cui molti adulti, quando iniziano ad avvertire questi disturbi dopo aver consumato alcol, utilizzano l’omeprazolo come misura di prevenzione.
Secondo gli esperti, però, mescolare le due sostanze sarebbe una cattiva idea e, invece di aiutarvi a sentirvi meglio, potrebbe peggiorare le vostre prospettive.

Perché non possono essere mescolati?

Mentre l’alcol interagisce con diversi farmaci, nel caso dell’omeprazolo i siti specializzati non hanno rilevato un effetto per cui la sua miscela non sia completamente controindicata.
Ma la verità è che la soluzione potrebbe portare al risultato completamente opposto.

“Attenzione ai kit anti-sbornia! Alcuni di essi contengono farmaci come l’acido acetilsalicilico, l’omeprazolo, l’ibuprofene o il paracetamolo, da consumare dopo aver ingerito grandi quantità di alcol e cibo, il che può essere pericoloso”, si legge in un comunicato dell’Agenzia per la sicurezza alimentare.

“L’omeprazolo riduce l’acido nello stomaco, quindi è indicato principalmente per il reflusso e l’ulcera, ma non protegge; non forma una pellicola protettiva e non è adatto a qualsiasi cosa nello stomaco”, spiegano gli esperti.
Il farmaco, infatti, potrebbe peggiorare alcuni degli effetti collaterali dell’alcol, come mal di testa, vertigini e disturbi di stomaco.
Questo articolo ha lo scopo di informare e non intende fornire consigli o soluzioni mediche. Chiedete sempre al vostro medico o allo specialista se avete domande sulla vostra salute o prima di iniziare un trattamento.