Pensate di aver contratto il coronavirus? Ecco come si presenta il mal di testa per le persone infette

Il coronavirus non sembra destare le preoccupazioni e i timori di qualche mese fa, ma questo non significa che i contagi siano finiti.

Anche con i vaccini si è a rischio di infezione, ma si può fare fatica a identificare chiaramente i sintomi del virus, a causa dei cambiamenti che ha subito dalla sua comparsa.
Manifestazioni riconoscibili come la perdita dei sensi (olfatto o gusto) sono state sostituite da segni più simili a un comune raffreddore, come il mal di testa.

Come si sente il mal di testa nel Covid?

Non solo la cefalea è diventata uno dei sintomi più comuni del coronavirus, ma gli studi hanno rivelato che è anche la complicazione che colpisce maggiormente coloro che hanno Covid. 
Chi ha sofferto di questo disturbo per tutta la vita sa che l’emicrania non è la stessa cosa della cefalea tensiva, ad esempio.

Per le persone infette, il sistema avrebbe un mix di funzioni.
“La maggior parte delle persone dice che si tratta di una cefalea di tipo tensivo, con un fenomeno simile a una banda, ma può anche essere una cefalea di tipo emicranico, accompagnata da nausea o sensibilità alla luce e ai suoni”, spiega il neurologo esperto in cefalee, la Dott.ssa Rachel Colman.
Secondo l’esperto, potrebbe verificarsi anche con:

  • Dolore lancinante.
  • Dolore acuto e pulsante alle tempie o alla nuca.
  • Vertigini, stordimento o testa leggera.
  • Problemi sensoriali come ronzii alle orecchie, intorpidimento e difficoltà di pensiero.

Nel caso in cui si identifichi una cefalea da Covid, è necessario trattarla come una normale cefalea, ma l’esperto presta particolare attenzione a una corretta idratazione per tutta la durata della malattia.
Questo articolo ha lo scopo di informare e non intende fornire consigli o soluzioni mediche. Chiedere sempre al medico o allo specialista se si hanno dubbi sulla propria salute o prima di iniziare il trattamento.