Secondo uno studio l’ipertensione arteriosa può alterare non solo il cuore ma anche la personalità.

Distribuire Pieghevole Indice dei contenuti

L’ipertensione è un fattore di rischio per numerosi disturbi, ma in particolare è responsabile di un’ampia gamma di malattie cardiache, considerate la principale causa di morte nel mondo.
Sebbene l’impatto della pressione arteriosa sulla salute corporea sia ben noto, questo indicatore può alterare anche le caratteristiche della salute mentale.
Un recente studio ha rivelato che un certo tipo di pressione alta può essere direttamente correlato ai tratti della vostra personalità, in particolare alla probabilità di essere più nevrotico.

Che cos’è una personalità nevrotica?

Le branche della psicologia hanno cercato di dare un significato ai comportamenti degli esseri umani attraverso la classificazione di 5 tipi di tratti di personalità: fattore O (apertura a nuove esperienze), fattore C (responsabilità), fattore E (estroversione), fattore A (gradevolezza) e fattore A (simpatia). Fattore N (nevroticismo).
Non si tratta di malattie o condizioni, ma di tratti che si possono trovare in tutte le persone, sotto forma di spettro, con maggiore o minore tendenza in ogni persona.

Il sito web di Psychology Today spiega che le personalità ad alto tasso di nevroticismo sono caratterizzate da una maggiore ansia, negatività, minore stabilità emotiva, facile irritazione e preoccupazione per molte cose.
“Sebbene alcune persone possano vedere il nevroticismo come negativo, non è né buono né cattivo. Il nevroticismo ha molte qualità adattive e può essere molto utile a qualcuno”, ha dichiarato lo psicologo David Tzall.

Qual è il rapporto tra salute mentale e pressione?

Nella nuova ricerca, gli scienziati hanno cercato di capire se esiste un legame tra i componenti della pressione sanguigna e 4 stati psicologici: ansia, depressione, nevroticismo e senso di benessere generale.
Alla fine hanno scoperto che solo il pressione diastolicaquello che misura quando il cuore è rilassato tra un battito e l’altro, ha “un effetto causale genetico sul nevroticismo“, scrivono gli autori.

Per questo hanno condotto uno studio genetico, dato che il 30-60% delle misurazioni della pressione sanguigna dipende da fattori ereditabili, che ha rivelato che un’alta pressione sanguigna diastolica è associata al 90% a tratti di personalità nevrotica.
Secondo gli autori, “gestire correttamente la pressione arteriosa può ridurre il nevroticismo, i disturbi dell’umore legati alla personalità e le malattie cardiovascolari”.
Questo articolo ha lo scopo di informare e non intende fornire consigli o soluzioni mediche. Chiedete sempre al vostro medico o allo specialista se avete domande sulla vostra salute o prima di iniziare un trattamento.