Siete preoccupati per il mercurio? Ecco quante scatolette di tonno è sicuro mangiare a settimana

Distribuire Pieghevole Indice dei contenuti

Il tonno in scatola è una delle fonti di pesce più comuni nel consumo domestico. Oltre a essere più economico dei filetti dello stesso animale, è un prodotto versatile e facile da cucinare.
La sua aggiunta alla dieta è ideale per mantenere un organismo completamente sano, in quanto fornisce una serie di sostanze nutritive benefiche, come gli acidi grassi e gli omega-3.

“Hanno importanti benefici come il blocco delle prime fasi dell’aterosclerosi, la riduzione della viscosità del sangue e un leggero abbassamento della pressione sanguigna, modificando favorevolmente il profilo lipidico del sangue, agendo come protettore cardiovascolare”, ha spiegato sul sito web una nutrizionista.
Ma questo prodotto è stato messo in discussione in diverse occasioni e paesi perché presenta una certa pericolosità. La ricerca ha scoperto che il metilmercurio può essere trovato negli animali.

I pesci sono esposti a questo metallo pesante a causa di processi naturali, come le eruzioni vulcaniche, ma è anche il risultato dell’inquinamento industriale degli oceani.
Il problema è che questi residui entrano nel corpo umano e causano potenziali problemi medici, a seconda delle quantità, dell’esposizione e dell’età della persona, hanno spiegato i ricercatori cileni.

Quali sono i rischi?

Le ricerche hanno dimostrato che la presenza di mercurio può provocare la morte delle cellule cerebrali e compromettere la motricità fine, la memoria e persino la concentrazione.
Altri lavori hanno dimostrato l’impatto sulla salute mentale, con un aumento dei sintomi di ansia e depressione.

Ma forse l’effetto più preoccupante che il mercurio può avere è quello sui bambini durante la gravidanza o l’allattamento.
In Iraq e in Giappone sono stati rilevati casi di avvelenamento da mercurio in donne in gravidanza e in allattamento, i cui bambini hanno sofferto per l’esposizione al metallo pesante.
“Mentre questi bambini apparivano normali alla nascita, il ritardo psicomotorio, la cecità, la sordità e le crisi epilettiche si sono sviluppati nel corso del tempo, per cui i ricercatori hanno anche cercato di identificare gli effetti subclinici del MeHg (metilmercurio)”, hanno scritto i ricercatori cileni.

Quanto è sicuro mangiare?

Secondo un rapporto dell’Organizzazione dei Consumatori e degli Utenti (ODECU), 10 marche di tonno in scatola vendute nel Paese sono considerate sicure per il consumo umano, in quanto soddisfano gli standard stabiliti dalla Food Sanitary Rule, in termini di concentrazione del minerale.
Secondo una ricerca australiana, se ogni scatoletta di tonno contiene 0,5 o meno microgrammi per chilogrammo di peso, allora sarebbe consigliabile consumare circa 12 scatolette (95 grammi) a settimana, e si dovrebbero mangiare 25 scatolette per raggiungere l’assunzione massima tollerabile di mercurio.
Grazie ai risultati della ricerca ODECU, è stato possibile replicare queste raccomandazioni con i prodotti cileni, che hanno registrato le stesse dosi di metilmercurio, con l’opzione di concentrazione più alta che ha raggiunto 0,12 mg/kg.
Questo articolo ha lo scopo di informare e non intende fornire consigli o soluzioni mediche. Chiedere sempre al medico o allo specialista se si hanno dubbi sulla propria salute o prima di iniziare il trattamento.