Un giovane ha mangiato gli spaghetti di pollo del giorno prima e si è ritrovato con entrambe le gambe amputate

Distribuire Pieghevole Indice dei contenuti

Ha sviluppato dolore addominale diffuso e nausea.” ha spiegato il New England Journal of Medicine (NEJM) a proposito di un caso scioccante che ha coinvolto un ragazzo di 19 anni che si è ritrovato con entrambe le gambe amputate.
Tutto è iniziato quando la vittima ha deciso di mangiare un piatto di spaghetti di pollo che un amico aveva lasciato il giorno prima nel frigorifero della sua casa, nel Regno Unito.
Tuttavia, non avrebbe mai pensato che, mangiando questi alimenti, sarebbe finito per risultare positivo ai test di Neisseria meningitidis una forma di sepsi che può anche uccidere chi ne soffre.

Problemi di salute

Dopo aver presentato problemi di salute, il giovane ha dovuto essere portato in un centro medico, dove gli specialisti hanno rilevato che aveva una temperatura elevata e una frequenza cardiaca elevata.
Le condizioni del giovane si sono aggravate dopo poche ore ed è stato necessario trasferirlo in elicottero in un altro ospedale per ricevere un trattamento adeguato.
Il paziente stava bene fino a 20 ore prima del ricovero, quando ha sviluppato dolore addominale diffuso e nausea”, ha dichiarato. dopo aver mangiato spaghetti, pollo e avanzi di un pasto al ristorante.“, hanno riferito i media citati.
A sua volta, è stato riferito che “i dolori addominali e il vomito sono stati seguiti dallo sviluppo di brividi, debolezza generalizzata, mialgie diffuse in progressivo peggioramento, dolore al petto, respiro corto, cefalea, rigidità del collo e visione offuscata”.
“Cinque ore prima di questo ricovero, si è sviluppata una colorazione violacea della pelle e un amico ha portato il paziente al pronto soccorso di un altro ospedale per una valutazione”, si legge.

L’amputazione delle gambe

Nel bel mezzo di questo episodio, il paziente ha sviluppato una cancrena nel tessuto delle dita, ma anche nelle gambe e nei piedi e ha dovuto subire l’amputazione di parte degli arti inferiori (dal ginocchio in giù), riferisce Clarín.
Il Dr. Bernard che ha partecipato all’operazione, ha descritto l’evento come uno “strano incidente” e ha sottolineato che, nonostante le complicazioni, il giovane è riuscito a sopravvivere.
Per ora si ipotizza che sia stato infettato da un batterio attraverso la saliva e perché non ha ricevuto il richiamo del vaccino contro la meningite all’età di 16 anni.